SCELGO DI RIDERE

AL CAM DI VIA FORZE ARMATE A BAGGIO

2017-2018

Da ottobre 2017 alla prima settimana di giugno 2018, ho animato sessioni di yoga della risata, una volta alla settimana, un’ora e mezza ogni mercoledì mattina.

Presso il CAM di Via Forze Armate, nel Municipio 7, gestito dall’Associazione La Comune. Il CAM, per chi non lo sapesse è il Centro di aggregazione Milanese, un luogo dove si possono seguire corsi di diverso tipo a volte pagando solo una quota associativa (comprensiva di assicurazione).

Per me è il secondo anno che animo delle sessioni settimanali di yoga della risata in questo luogo.

E’ uno dei miei CLUB DELLA RISATA.

Da quattro anni sto animando Club della risata, in diversi luoghi, li ho chiamati tutti “Scelgo di ridere” che è il mio motto. Perché quando si sceglie si fa tutto con leggerezza.

Seguire con costanza una disciplina è possibile quando di scegli di farlo.

Come Counselor oltre allo Yoga della risata trasmetto ai miei allievi anche nozioni di psicologia positiva e cerco di rendere le sessioni anche un percorso di crescita personale e anche di gruppo.

Come dico sempre “questa è una palestra di vita, si impara a stare insieme e a portare nella vita tutto ciò che si impara”

Per la prima volta dopo 4 anni ho pensato di distribuire alle persone un attestato di frequenza, un modo per riconoscere anche gli sforzi di frequenza delle persone.  Il gruppo mi ha sorpresa con un regalo (una pianta stupenda! A me piacciono le piante per cui il regalo è stato azzeccatissimo) e un biglietto che mi ha emozionata.

E’ mia abitudine preparare ogni sessione cercando di adattarmi ai bisogni del gruppo, è un occasione di crescita per me.

Ogni anno fine anno chiedo un feed-back dei partecipanti, per poter studiare durante l’estate cose nuove da proporre l’anno successivo.

Per questo ho chiesto loro di scrivermi poche parole rispondendo alle seguenti domande:

  • Cosa ho imparato durante le sessioni di yoga della risata
  • Cosa ho imparato di me
  • Cosa vorrei imparare ancora

Di seguito le risposte che, come ho promesso, sono inserite anonime. Invito a leggerle perché aiutano a dare un’idea di cosa si possa ricevere seguendo un anno di sessioni di risate.

Ciao Guia,

1) Ridere fa bene , ridere senza motivo significa gioia, serenità, fa bene al morale, fa bene alla salute sia fisica sia mentale……perché è come una  specie di abbandono dai pensieri Negativi e dalle preoccupazioni, staccare la testa e non pensare più a niente, libertà assoluta, lasciarsi andare……
E poi c’è la risata con le lacrime io l’ho provata e ho capito che dietro a una risata ci stanno tante emozioni !!!!!
Non preoccuparsi delle critiche o dei giudizi degli altri, ma solo di stare bene
Si può condividere una risata con gli altri perché ridere è anche contagioso, oppure ridere anche da sola, io  lo faccio qualche volta

2) che non è impossibile ridere anche senza motivo

3) dovrei ancora migliorare la tecnica della risata e della respirazione soprattutto!!!!!

Grazie per tutto quello che ci hai insegnato

————————————————————————————————————————-

Ciao Guia ecco le risposte

che cosa ho imparato? Con la volontà che uso per ridere posso alzare il tono dell’umore. Inoltre il gruppo è importante, soprattutto accogliente e variegato.

Su di me ho constatato che ho sempre le mie insicurezze. Una cosa che non riesco a fare è urlare con disinvoltura, non mi sento a mio agio urlando qualità e caratteristiche mie al gruppo.

Vorrei imparare a accettare meglio le persone. Inoltre parlare con più gentilezza e dolcezza.

1° Ho imparato che si può ridere anche senza motivo!

2° Che è bello scoprire gli altri!

3° Ad essere più spontanea, più creativa, più riflessiva, più espansiva, più tollerante.

  1. A ritornare bambino ed essere in armonia con chi mi circonda
  2. principalmente di evitare di giudicarmi continuamente
  3. ridere, ridere spontaneamente
  1. A buttarmi senza freni inibitori e seguire il programma
  2. A lasciarmi andare e godere del qui ed ora
  3. A non avere incertezze e migliorare la tranquillità, vorrei imparare ad usare meglio il filo intermentale

—————————————————————————————————————————————————————————————-

Per Guia

  • Ho imparato a conoscere meglio il mio corpo , ad ascoltarlo e ad apprezzarlo anche quando non si sta bene fisicamente accettando anche eventuali malesseri. Inoltre ho imparato a respirare con il diaframma, respirazione a me sconosciuta, ma rivelata molto utile. In ogni lezione s’impara sempre qualcosa di nuovo, alcuni giochi sono metafore e insegnamenti di vita. In altri giochi di coppia o di gruppo inoltre ho ridato vita al mio bambino interiore con entusiasmo, gioia e leggerezza e risate (a squarciagola!!)
  • Ho imparato ad aprirmi di più con gli altri , essere meno emotiva e prestare più attenzione e ascolto quando ci si relaziona con altre persone (non chiudersi a pensare ai propri problemi o preoccupazioni)
  • Mi piacerebbe imparare anche altre tecniche di respirazione (fiorellino, piegamenti) o inventarne insieme nel gruppo

Durante le lezioni di yoga della risata ho imparato ad essere più socievole e meno diffidente, soprattutto ho raggiunto una fase di tranquillità e anche di sicurezza. Mi sono sentita più leggera come se i problemi e le preoccupazioni prendessero una forma diversa, più ridimensionata.

Ho creduto e mi sono affidata a questa psicologia positiva e ne ho tratto veramente beneficio.

Vorrei ancora imparare ad avere un maggior controllo delle emozioni negative. Mi sono resa conto quanto sia importante la comunicazione con l’ “altro” perché aiuta tantissimo.

——————————————————————————————————————————————————————————————–

Ciao Guia

Lo yoga della risata è stata un’esperienza molto positiva in tutti i sensi e mi ha aiutato anche per il morale, Ciao

  • Cosa ho imparato durante queste lezioni di yoga della risata?

E’ proprio vero, il corpo si esprime meglio quando non è collegato alla mente.

E’ più libero, più bello, più vigoroso, più intraprendente, i difetti veri o presunti non hanno più nessuna importanza, ai doloretti non si presta più attenzione.

Inoltre, quando Guia dice: rimani con quello che hai, ho imparato che è possibile mantenere un’emozione, non solo una postura e questo può diventare una grande risorsa.

  • Cosa ho imparato su di me.

Un giorno Guia ci ha fatto notare che ogni nostro atteggiamento è importante quando lavoriamo insieme, perché può condizionare il gruppo in senso positivo o negativo. Allora ci ho pensato e ho capito che questo può essere valido in ogni contesto: famiglia, amici, lavoro, società e da allora sto molto più attenta a non diventare portatrice di negatività.

  • Cosa vorrei imparare ancora?

Il prossimo anno vorrei continuare a praticare yoga della risata, perché desidero diventare sempre più consapevole di me stessa e acquistare sempre più strumenti per vivere in sintonia con tutti gli altri e con il mondo.

——————————————————————————————————————————–

Anche quest’anno ho frequentato il corso di yoga della risata c/o il CAM di Via Forze Armate. Il corso è stato molto piacevole ho incontrato persone con cui ho condiviso una esperienza molto intensa, mi è piaciuto molto ridere, muovermi col mio corpo, assumere espressioni buffe, sempre con la consapevolezza di non essere mai giudicato, criticato, deriso questa esperienza l’ho anche riportata al di fuori in altri ambiti, e ho verificato che questo atteggiamento ti fa avvicinare di più agli altri senza preconcetti o resistenze. Mi è piaciuto molto scoprire che nei momenti di risate puoi lasciare i pensieri fuori dalla porta per poi ritrovarli a volte ridimensionati e più leggeri.

Alla fine del secondo anno di yoga della risata, mi ritrovo molto contento, ho capito che la risata spontanea senza motivo, elemento fondamentale del corso, ti serve per sdrammatizzare situazioni, pensieri, dolori che altrimenti ti riempiono la vita occupando molto spazio   impedendoti di prenderla con più leggerezza.

Penso frequentare anche l’anno prossimo ma non mi prefiggo nulla prendo quello che verrà.